Riflessi di reale

Di abisso in abisso

sprofondare gigante

in uno specchio

senza oltre,

a rimirare di sottecchi

trasparenze irreali

di visi deformati.

Cadere sul fianco

della vita,

cingendola, sfuggente,

nel riflesso rapido

di un reale nascosto,

che l’occhio fugge

in un bagliore

celato altrove.